20
NOV

Bolle di sapone: perché sfuggono in aria appena possibile

Con le bolle di sapone ci si può divertire anche attraverso lo svolgimento di alcuni esperimenti facilmente riproducibili a casa. L’obiettivo dell’esperimento illustrato di seguito è quello di far notare come una bolla di sapone si comporti analogamente ad un palloncino elastico: al suo interno, infatti, l'aria si trova sotto pressione e sfugge appena è possibile.

Ecco l’occorrente:

-Una candela accesa;

-Una soluzione di acqua saponata;

-Un imbuto.

Soffiamo nell'imbuto e creiamo una bolla di sapone, quindi tappiamo con il dito in modo che la bolla non si sgonfi. Portiamo questa estremità dell'imbuto vicino alla fiamma della candela e togliamo il dito. Notiamo che mentre la bolla si sgonfia la candela si spegne o almeno la fiamma ondeggia. Possiamo notare che più la bolla è piccola, più è facile che la candela si spenga.

La bolla di sapone si comporta come un palloncino elastico! Se si gonfia il palloncino e poi lo si lascia senza legarlo, questo inizia a girare per la stanza fino a quando l'aria contenuta è completamente uscita. Nella bolla succede la stessa cosa: si può notare che più piccola è la bolla, prima si spegne la candela. Questo indica che la pressione interna è maggiore in una bolla più piccola.

Siete pronti a rifare questo esperimento a casa con i vostri bambini?

Via! It’s Babbol Time!


Share

Filter by:

Buy